“u Ciucciareju” (l’asinello) mezzo di trasporto e insostituibile compagno di lavoro

L’asino è l’animale che più di ogni altro ha svolto un ruolo fondamentale nel mondo rurale calabrese, segnandone così storia e cultura, in particolare del mondo contadino di cui ha rappresentato lo strumento di lavoro essenziale.
Per il contadino l’asino è stato mezzo di trasporto e poi insostituibile compagno di lavoro: nei campi, per i lavori di aratura; nel frantoio (i tradizionali trappiti) come mezzo di trazione delle molazze; nel bosco, per il trasporto di legna e fascina; nel vigneto, nell’uliveto e ovunque si spandesse il sudore dell’uomo nel lavoro.La canzone U ciucciariallu, nella quale tra l’altro una strofa recita «ciucciu bellu de stu core» ( asino bello del mio cuore), è una vera ‘propria dedica del padrone al suo animale, un atto d’amore con il quale da una si esaltano le qualità dell’asino.
Proverbi e modi di dire

– U voi chiama cornutu allu ciucciu  il bue dice cornuto all’asino).

– Si u ciucciu un vò vivire è nutile mu fisckasi{= se l’asino non vuole bere è inutile che fischi).

– Si allu ciucciu u lle crìscia lla cuda alli tri anni, u llè criscia cchiù  se all’asino non cresce la coda entro tre anni, non gli crescerà più).

– Due fhìmmine. e na sumara fhìceru na fhera  due donne e un’asina fecero una scenata).

– Ènu ciucciu e fhatìga  è un asino da lavoro, lavora molto).

– Senza mazze u ciucciu un va allu mutìnu  senza bastonate l’asino non va al mulino, cioè non lavora).

– Mangia comu ‘u bboi e campa comu ‘u sceccu  mangia come il bue e vivi come l’asino).

– U sceccu chi scórcia u ficu dassa u viziu quandu mori  l’asino che scorteccia il fico perde il vizio solo dopo la sua morte).

– U sceccu i tanti frati su mangianu i cani {= l’asino di molti fratelli se lo mangiano i cani).

– U sceccu a porta, u sceccu sa mangia  l’asino se la porta, l’asino se la mangia).

– I scecchi si sciarrìjano e i barìji vannu po menzu  gli asini litigano e le botti si rompono).

– Mi vantu mi vant’eu, bellu sceccu chi sugn’eu [= mi vanto, mi vanto io, che bell’asino sono io).

– Faci u sceccu ‘nto linzòlu  fa l’asino nel lenzuolo).

– ‘A fìmmana, abbàsta mu si marita, si maritaria puru cu ciucci(= la donna, purché si sposi, sposerebbe anche un asino).

– ‘A fìmmana non si marita c’u ciucciu pecchi ngi sciànga ‘u lanzòlu  la donna non si sposa con l’asino solo perché distruggerebbe il letto).

– V ciucciu carrìa vinu e viva acqua  l’asino trasporta vino e beve acqua).

– Essere ‘nu ciucciu ‘e parata {= essere un asino da parata).

– Nu buanu secretariu e ‘nu ciucciu sindacu  un buon segretario ed un asino sindaco, se hai un bravo segretario comunale puoi avere anche un sindaco asino).

– Mangia cumu nu vue e vive.cumu nu ciucciu  mangia come un bue e beve come un asino, mangia e beve molto).

– U ciucciu chi ‘un s’abbutta llu mise ‘e maju ‘un s’abbutta chjiù  l’asino che non si abbuffa a maggio non si abbuffa più).

– U ciucciu raglia ca vo’ la.paglia  l’asino raglia perché vuole la paglia).

– Mìagliu ‘nu ciucciu vivu, ca ‘nu miadicu muartu {= meglio un asino vivo che un medico morto).-

– Mìagliu ‘u ciucciu chi te porta e nno llu cavallu chi te jetta {= meglio l’asino che ti porta a cavallo e non il cavallo che ti fa cadere).

– Aspetta, ciucciu miu, cà l’erva crisce  aspetta, asino mio, che l’erba cresce; campa cavallo!).

Attacca ‘u ciucciu duve vo llu patrune e lassa ca su mangiani i cani  attacca L’asino dove “decide il padrone e Lascia che se Lo mangino i cani).

Lu ciucciu cu nci lava i pedi o sceccu perdi l’acqua e la lissia  L’uomo che Lava i piedi all’asino perde sia l’acqua che La lisciva).

U piaciri du ciucciu è l’erba gramigna, chiddu du cavaddu è l’erba longa  all’asino piace la gramigna, al cavallo l’erba più buona).

Si mangia la pagghja ca si ricorda di quandu era erba  mangia la paglia perché gli ricorda l’erba)

pagina fb GIOIOSA JONICA (RC)