SIDERNO (RC): LE ORGANIZZAZIONI AMBIENTALISTE INCONTRANO LA COMMISSIONE STRAORDINARIA 

Aristide Bava
SIDERNO – I responsabili delle associazioni ambientali della città, Osservatorio Rifiuti , Comitato Pantanizzi e Osservatorio Ambientale Diritto per la Vita, coordinati rispettivamente da Maria Rosaria Tino, Francesco Martino e Arturo Rocca, si sono incontrati con la Commissione Straordinaria, rappresentata da Matilde Mulè e con l’ing. Pietro Fazzari, responsabile settore ambiente del Comune , per discutere sulle ormai datate, e sempre preoccupanti, questioni ambientali sidernesi. La situazione malgrado i piccoli passi che si stanno facendo rimane, a parere delle organizzazioni ambientali, ancora molto lontana dalla definitiva situazione. Tra i punti negativi dell’incontro la notizia che l’ Isola ecologica, di cui si attende l’apertura ormai da molto tempo, ancor non potrà essere utilizzata e i tempi sembrano slittare ulteriormente . Ad ogni buon conto a parte questa necessità che oramai , vista la situazione di degrado che spesso si accompagna alla problematica dei rifiuti in alcune zone della città – e piu’ significatamente in Piazza Mercato dove spesso si cumulano ammassi di rifiuti ingombranti – la delegazione si è soffermata anche su alcune problematiche scottanti quali quelle della Bp e dell’ Azienda Sika. Per quanto riguarda la Bp , di cui si ricorderà che c’è stato un recente finanziamento di 300.000 euro da parte della Regione e la richiesta di una ulteriore integrazione di 195.000 per garantire almeno lo sgombero dei fusti e una prima bonifica dell’aria del’ex industria chimica è stata data assicurazione che il bando per la gara d’appalto sta per partire e quindi , fermo restando i tempi tecnici necessari, la situazione si sta incanalando verso i giusti binari, Rispetto alla problematica legata alla Sika è stata data assicurazione che è terminata la fase analitica dei piezometri e adesso si aspettano i risultati che dovrebbero chiarire se ci sono possibilità di inquinamento delle acque sotterranee o qualche altro problema sulla striscia di territorio interessata. I rappresentanti delle organizzazioni ambientaliste hanno anche riproposto la problematica dei rifiuti ingombranti lungo gli alvei dei torrenti della città, recentemente ripropostasi a causa del recente maltempo che ha messo nuovamente a nudo la situazione. La delegazione comunale ha preso atto della richiesta di pulizia . Un capitolo a parte è stato riservato alla problematica del Tmb di contrada Pantaleo e i rappresentanti ambientalisti hanno evidenziato il rinnovato timore dei cittadini dopo l’applicazione della recente ordinanza che ha aumentato la quota di conferimento allargata a molti comuni non solo della provincia reggina ma anche di Lamezia e Crotone con conseguente accrescimento del transito di grossi autoveicoli che aggravano ulteriormente la situazione. L’augurio è che la situazione sia transitoria e che non si verifichino i grossi problemi che per anni hanno pesantemente gravano sugli abitanti della zona interessata . Un incontro che, a conclusione, non ha eccessivamente soddisfatto i rappresentanti delle organizzazioni ambientaliste i quali, comunque, sperano che la situazione , sulla quale continueranno a vigilare, trovi al piu’ presto soluzioni piu’ concrete. Gli stessi, peraltro, hanno dichiarato la loro disponibilità alla Commissione straordinaria, di provvedere alla pulizia della spiaggia oggi decisamente precaria dopo l’ultima ondata di maltempo