SIDERNO (RC): FORZA ITALIA ALL’ ATTACCO 

Aristide Bava
SIDERNO – Come era inevitabile i risultati della consultazione elettorale del 4 Marzo hanno lasciato qualche segno anche a livello locale dove i partiti rappresentati in consiglio comunale si stanno interrogando sul dopo voto. E’ già uscito allo scoperto Forza Italia che in una sua nota afferma che il voto “ha riconsegnato, alla città di Siderno, un partito vivo, forte, coeso” e che ” l’ottimo risultato ottenuto rappresenta la conferma della bontà del lavoro, costante ed assiduo, svolto dal nuovo gruppo dirigente cittadino e già intrapreso all’indomani delle elezioni amministrative del 31 Maggio 2015 ” . Nella nota i responsabili degli azzurri sidernesi fanno subito riferimento all ’apertura della nuova sede locale e ad una serie di iniziative avviate a sostegno della collettività “per ultima, in ordine cronologico, la creazione dello “Sportello del Cittadino”, una continua attenzione alle problematiche ed alle dinamiche amministrative e politiche della città, una puntuale e competente opposizione svolta in Consiglio Comunale” per ritenersi , “un gruppo vitale e sanamente appassionato alle vicende della comunità”. Forza Italia, che è rappresentato in consiglio comunale da Pietro Sgarlato e dalla new entry Vincenzo De Leo ( ex Cd) afferma che ” l’attenzione e la presenza abituale sul territorio dei vertici del partito hanno concorso, in maniera determinante e non a caso, all’eccellente risultato elettorale. I 2224 voti di preferenza, ottenuti a Siderno, – è scritto nel comunicato diffuso – hanno contribuito in modo decisivo alla elezione diretta del candidato all’uninominale e neo deputato Francesco Cannizzaro (che ha ricevuto 2867 preferenze dalla coalizione di centro-destra, risultata la prima per numero di consensi), mentre al Senato il nuovo eletto Marco Siclari ha ottenuto 1938 voti (in totale 2566 dalla coalizione, risultata, anche in questo caso, la migliore in assoluto)” . Da qui un augurio a Cannizzaro e Siclari agli altri rappresentanti del partito: Giuseppe Mangialavori, eletto al Senato della Repubblica, alla coordinatrice regionale Jole Santelli, a Maria Tripodi e Roberto Occhiuto, neo Deputati alla Camera, rivolgiamo ” per un costruttivo e fruttuoso lavoro”. Ma Forza Italia si sofferma specificatamente a livello cittadino dove – dice la nota ” i dati sono indubbiamente positivi e consegnano a “Forza Italia ” oltre il 30% delle preferenze, con un risultato in netta ascesa sia rispetto ai dati regionali, che a quelli nazionali ” e per questo motivo ” l’esito del voto impone di fare un’analisi ed alcune brevi riflessioni anche sulla portata dei risultati ottenuti dai gruppi politici che detengono il governo della città”. Secondo Forza Italia ” I segnali lanciati dalle urne appaiono sicuramente incontestabili: “Fattore Comune-Liberi e Uguali”, che candidava l’aspirante Deputato Rita Commisso, riceve alla Camera appena 448 consensi ed al Senato 306; il “Centro Democratico” (partito del Sindaco Pietro Fuda) che sosteneva la lista “Più Europa con Emma Bonino” riceve briciole, con 62 preferenze al Senato e 73 alla Camera; il movimento “Siderno Libera”, non lascia nessuna traccia evidente. Un autentico fallimento politico-elettorale di questa amministrazione, che fa il paio con le centinaia di voti persi per strada dal fantasma del Partito Democratico cittadino. A questo punto – dice la nota – appare più che doveroso un vero approfondimento ed un dibattito politico sulla reale delegittimazione scaturita dal voto del 4 Marzo nei confronti di questa amministrazione che, dopo aver puntualmente disatteso gli impegni presi con i cittadini ha, evidentemente, smarrito anche il consenso numerico per poter governare. In poco meno di tre anni questo gruppo dirigente è riuscito a dilapidare il risultato plebiscitario scaturito dalle elezioni amministrative del 2015, tradendo la fiducia dei sui elettori (oltre l’80 per cento), a paralizzare amministrativamente e politicamente una città, a resuscitare il fantasma della bancarotta amministrativa dell’Ente ed a portare una commissione di indagine che sta valutando l’opportunità di un nuovo scioglimento per infiltrazioni mafiose. Una situazione certamente fallimentare che deve fare ben riflettere con un’immediata presa d’atto che abbia conseguenze concrete e tempestive ” . Nella parte conclusiva della nota insieme al ringraziamento ai cittadini ” per il forte consenso ricevuto ” la considerazione che “la cittadinanza, stanca di questo lungo lassismo amministrativo, è delusa dalle mille promesse mai mantenute, è preoccupata per una parabola discendente che ha toccato un fondo da cui sembra impossibile potersi rialzare”.

nella foto – I due consiglieri comunali Pietro Sgarlato e Vincenzo De Leo con il neo eletto Francesco Cannizzaro ( al centro)