Caulonia (Rc): I Vigili del Fuoco di Reggio Calabria vittime o soccorritori?

COMUNICATO STAMPA
I Vigili del Fuoco di Reggio Calabria vittime o soccorritori?
Alampi e Provazza – UILPA VVF – attaccano il dirigente Novello
Come tutti, siete a conoscenza della questione ponte sull’Allaro e dell’ordinanza ANAS che limita il transito ai mezzi pesanti superiori a 7,5t. Bene, il nostro “amato” dirigente Comandante Gino Novello, si è inventato una paradossale e alquanto dispotica soluzione che va a discapito dei lavoratori dei Vigili del Fuoco. Tutto ciò, solo per evitare l’attivazione di un presidio VF temporaneo presso il Comune di Monasterace, che avrebbe potuto sopperire alle attuali criticità viarie. La soluzione che ha messo in atto con tanto di documentazione scritta, è quella di richiedere una deroga all’ANAS (che peraltro ha rilasciato) affinché i mezzi di soccorso VF, con massa complessiva non superiore alle 20t, non rientrino nell’ordinanza di attraversamento del ponte e transitino, solo in caso di emergenza, a 30km orari, in barba al limite delle 7,5t (mi sembra che il compito istituzionale dei vigili del fuoco sia quello del soccorso in emergenza). Appare quindi evidente, che l’uscente dirigente Novello, prima di andare via da Reggio Calabria, verso la nuova sede di Cagliari, per premio o per punizione, questo non lo sappiamo, stia consumando le ultime polveri, completando l’iter di inadeguatezza e noncuranza che lo hanno contraddistinto in questi anni. I frequenti errori di valutazione del dirigente, che vanno contro le esigenze dei lavoratori e contro le più elementari regole di sicurezza, hanno portato il Comando di Reggio Calabria al più totale sbando e ad un stallo inquietante, dal quale sarà difficile uscirne. In merito alla questione Monasterace, come già ribadito, questa O.S. è fermamente convinta che il presidio VF temporaneo, sia strettamente necessario a garantire più sicurezza alla cittadinanza ed agli stessi lavoratori VF. Non è concepibile che un dirigente dello Stato attui soluzioni insulse che mettano a repentaglio la vita dei lavoratori, solo per non attuare soluzioni alternative, che vadano a sopperire ad errori di valutazione e gestione delle precedenti emergenze, visto che nessuno dei politici e dello stesso ente preposto alla manutenzione ha messo in atto quanto nelle loro competenze. Questa O.S. si farà portavoce con i massimi organi istituzionali e politici, dei quali si auspica un energico intervento, affinché venga annullata la deroga sul transito dei mezzi di soccorso e messe in atto tutte le azioni necessarie a tutelare i lavoratori ed i cittadini, con l’attivazione del presidio di Monasterace, così come già fatto col presidio della tendopoli di San Ferdinando, attivato per la giusta tutela degli occupanti della medesima tendopoli. Ai sindaci della vallata dello Stilaro, si chiede un ulteriore ed incisivo intervento, atto a tutelare i loro concittadini.

Fabio Maragucci
Responsabile Ufficio Stampa UILPA Provinciale di RC