Bianco si conferma la n.1 per i fuochi d’artificio

Un meraviglioso spettacolo di fuochi pirotecnici  ha concluso stanotte le celebrazioni della festa della Madonna di Pugliano di Bianco (RC). I fuochi pirotecnici di Bianco rappresentano il culmine della festa più importante del paese in onore della Madonna di Pugliano che si celebra dal 13 al 15 agosto. La tradizione proviene da molto lontano, pare che immigrati provenienti dalla Puglia, poi stabilitisi nella frazione di Pardesca, avessero portato con sé un quadro mariano di origine siriana, del tempo di Leone Isaurico. Essi avrebbero poi ottenuto il permesso per la fondazione di un’abbazia sul litorale di Bianco, proprio in corrispondenza del sito dell’antico monastero basiliano S.tae Mariae de Pillano. In virtù di questa tradizione, in cui storia e leggenda si fondono, la popolazione di Pardesca conserva ancora oggi il diritto di portare il dipinto di Maria SS. di Pugliano in processione, di celebrare la novena nella propria parrocchia e di custodirvi il quadro dalla prima domenica di novembre a quella tra Natale e Capodanno. ll 14 agosto si è svolta la processione solenne cui hanno partecipato autorità ecclesiastiche, civili e militari, oltre a numerosi fedeli e curiosi. È quindi seguito il concerto, seguito da migliaia di persone,  di uno dei gruppi più longevi nella storia della musica italiana : “i Nomadi” guidati dall’inossidabile Beppe Carletti. Tornando al programma religioso,  la sacra effigie è stata trasportata sulla tipica bara (denominata anche “vara” o “varia”) dal Santuario fino alla spiaggia, per poi essere riposta su una barca appositamente allestita e condotta in notturna nel mare, con molte altre imbarcazioni al seguito. Ritornato sulla terraferma, il dipinto è stato accompagnato al Duomo, seguito dalla moltitudine dei fedeli.

Antonio Tassone ecodellalocride.it

Spunti storici : lalocride.it

Foto di Francesco Pezzimenti